©2018 by theweederstv

Vasco Rossi: "In vita mia ho provato tutte le droghe. Ora faccio uso medico di marijuana"

June 13, 2019

 

 

Se molti lo considerano un idolo, nessuno pensa al fatto che anche Vasco Rossi abbia potuto avere i suoi, che poi si sono trasformati anche in amici e punti di riferimento, soprattutto in uno dei momenti più difficili della sua vita, quando lo additavano come uno che “influenzava i giovani” e un “personaggio che non esisteva”.

Lo ha raccontato Vasco Rossi durante un incontro in sala Buzzati, riportato dal Corriere della Sera, dove il Kom si è concesso per una intervista in cui ha toccato molti punti della sua carriera, senza tirarsi indietro davanti alle domande riguardanti la sua vita personale. “Non tutti coglievano che le mie canzoni sono sempre state provocatorie e ironiche: scrivevo 'vado al massimo' nel periodo più brutto della mia vita – ha raccontato il cantante, rivelando come Francesco De Gregori e Fabrizio De André gli siano stati vicini in quel periodo nero – . De André: lui era il mio mito assoluto e invece mi ha sempre trattato come uno alla pari. Per me questo era sconvolgente. Ricordo che quando l’ho conosciuto mi sono inginocchiato; lui ha rimesso subito le cose a posto, dicendo: “Ma che c... fai?”’.

Nonostante in molti lo additassero come il male, Vasco Rossi ha dimostrato con la lunga carriera alle spalle di saper parlare a qualunque generazione e di rappresentare con le sue canzoni il periodo storico e i pensieri di molti. “La disperazione la sento proprio nell’aria, viviamo in un periodo teso in cui le paure sono risvegliate da politici senza scrupoli – ha detto il Kom, che in questi giorni sta segnando un nuovo record con i suoi sei concerti allo Stadio San Siro di Milano - . Non sopporto questa strumentalizzazione, con gli anni sempre meno. Chi mi fa più schifo è chi specula su questo per fare degli affari politici. Stanno creando una guerra tra poveri, ma non si può pensare che noi siamo nati in paradiso e se loro sono nati all’inferno la cosa non ci riguarda. Oltre al fatto che vengono dette cose non vere, siamo influenzati dai mezzi di comunicazione di massa che fanno una lettura non reale della situazione”.

E Vasco sa bene anche cosa significhi vivere sotto il pregiudizio dei benpensanti. “Ho vissuto sulla mia pelle la sensazione di venire escluso e ne ho sofferto moltissimo. Ero un montanaro, venivo da Zocca... – ha detto - . Mi dicevano che ero un drogato. Non lo sono mai stato. Mi definisco un tossico indipendente. Le sostanze le ho provate tutte, perché volevo farlo. Tranne l’eroina. E chi dice che sono tutte uguali è un criminale. La marijuana ha anche effetti terapeutici... infatti ne faccio un uso medico”. 

 

 

 

 

FONTE: IlGiornale.it

Please reload

Our Recent Posts

Il Lussemburgo presto sarà il primo Paese europeo a legalizzare la produzione e il consumo di cannabis sia per scopi terapeutici che per uso ricreativ...

Il Lussemburgo apre la porte alla legalizzazione. E vorrebbe che tutta Europa lo facesse

October 22, 2019

Svizzera: la magistratura ha sancito la depenalizzazione totale dell’uso di cannabis per tutti i cittadini

July 29, 2019

Rita Bernardini in caserma per la sua coltivazione casalinga di cannabis

July 29, 2019

1/1
Please reload

Tags

Please reload